L’indifferenza del Comune di Cagliari e del sindaco Zedda

E’ stato informato da alcuni anni tramite i suoi uffici il sindaco del Comune di Cagliari Massimo Zedda sulla situazione disoccupazionale del sottoscritto residente in codesto Comune e sono stato risposto dal personale di questa pubblica amministrazione in stretto contatto sia con il sindaco che con l’assessore alle politiche sociali Ferdinando Secchi facendomi intendere di aver capito la mia situazione. Tuttavia, nonostante aver esposto dettagliatamente i titoli e i requisiti del sottoscritto il quale ha chiesto opportunità lavorative come disoccupato di lunga durata di 46 anni iscritto al CSL (ex ufficio di collocamento) di Cagliari da 26 anni, senza aver mai avuto nessuna opportunità lavorativa, ho notato invece dal Comune di Cagliari, opportunità lavorative con requisiti contrari a quelli del sottoscritto che è stato escluso dalla possibilità di poter fare domanda. Lo stesso dicasi sugli attuali concorsi pubblicati sul sito del Comune di Cagliari per i quali, prima che fossero banditi, il sottoscritto ha chiesto possibilità di partecipazione al piano triennale di assunzione del Comune di Cagliari e il personale in stretto contatto con i vertici del Comune mi hanno risposto, facendomi credere che avrei potuto fare tranquillamente domanda di tenere, quindi, in considerazione la sezione del sito “lavoro e formazione”, in realtà poi scopro, che tali concorsi sono invece riservati alla “mobilità volontaria esterna” per personale che già lavora con il Comune di Cagliari. Credo di essere stato preso in giro da questa pubblica amministrazione la quale continua ad essere indifferente, inefficace e mal predisposta alle normali richieste di un diritto al lavoro da parte di un cittadino residente. Il sindaco Massimo Zedda continua a fare “orecchie da mercante”.

L’indifferenza del Comune di Cagliari e del sindaco Zeddaultima modifica: 2017-07-24T15:18:39+00:00da patrizio-indoni
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento